HOME INFO Biografia Stampe pubblicazioni Disegni Notizie english italiano
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Aliquam dapibus leo quis nisl. In lectus. Vivamus consectetuer pede in nisl. Mauris cursus pretium mauris. Suspendisse condimentum mi ac tellus. Pellentesque habitant morbi tristique senectus et netus et malesuada fames ac turpis egestas. Donec sed enim. Ut vel ipsum. Cras consequat velit et justo. Donec mollis, mi at tincidunt vehicula, nisl mi luctus risus, quis scelerisque arcu nibh ac nisi. Sed risus. Curabitur urna. Aliquam vitae nisl. Quisque imperdiet semper justo. Pellentesque nonummy pretium tellus.
Titolo Tipo Città Regione Nazione Righe per pagine

 

Titolo Nazione Regione Città Tipo Codice
Grosseto Veduta del centro storico bastionato
Grosseto Veduta del centro storico bastionato
Nazione Italia 
Regione Toscana 
Città Grosseto 
Tipo Cittadella 
Codice I Ur TOS Grosseto1 
Grosseto Veduta del centro storico bastionato
Sviluppo di Torino 1864 capitale d'Italia
Sviluppo di Torino 1864 capitale d'Italia
Nazione Italia 
Regione Piemonte 
Città Torino 
Tipo citt 
Codice TO Ur Torino fase9 
Sviluppo di Torino 1864 capitale d'Italia
Nayac Castello spaccato
Nayac Castello spaccato
Nazione Francia 
Regione  
Città Nayac 
Tipo Castello 
Codice E Ca F Nayac 1 
Nayac Castello spaccato

E Ca F Nayac1

Nel XIII secolo, quando fu costruito il castello, non esisteva ancora un apparato sporgente alla sommità delle torri . Solo in vista di un assedio si applicavano bertesche in legno per il tiro piombante e gli arcieri.

Agli inizi della rivoluzione francese il castello venne ceduto a privati che cominciarono a smantellarlo per venderne le pietre squadrate.

A fermare la demolizione non fu la sensibilità della cultura dell’epoca, ma un crollo che uccise tre operai purtroppo cinta esterna e torri, erano già state cimate di quasi un terzo.

La grande torre quadrata all’angolo sudovest era maschio del castello primitivo e sorgeva isolata nel XI secolo, circondata da una bassa cinta esterna. Alla torre si appoggiava un barbacane munito di ponte levatoio a difesa dell’ingresso, punto debole dell’apparato difensivo. All’interno del castello, sono riconoscibili le tracce di edifici necessari alla guarnigione, sale d’armi, magazzini a scuderie, nonché le sale di rappresentanza e l’appartamento del Signore. dalla terrazza del maschio si dominava l’intero territorio. Una caditoia fissa difendeva l’ingresso, 18 metri più basso.

Il torrione principale, costruito da Alfonso di Poitiers, fratello di Luigi re di Francia tra il 1263 e il 1268, è ancora intatto. Presenta notevoli soluzioni architettoniche negli ambienti circolari sovrapposti con una volta ombrello, le scale a chiocciola ricavate nello spessore della muratura. E’ alto 40 metri. Le altissime feritoie alte quasi sette metri erano utilizzate da due arcieri sovrapposti. All’imposta delle volte i capitelli raffigurano i reali di Francia, al piano superiore nella cappella, le loro mogli. Una seconda cinta difensiva circondava l’intera altura.

costruzione di una borie sull' altipiano di sar
costruzione di una borie sull' altipiano di sar
Nazione Italia 
Regione Val d'Aosta 
Città sarre 
Tipo tecnica costruttiva 
Codice A Ca V' Sarre1 
costruzione di una borie sull' altipiano di sar
Citt? greca resti
Citt? greca  rest
Nazione Italia 
Regione Sicilia 
Città Tindari 
Tipo Citt 
Codice A Ur SIC Tindari1 
Citt? greca rest
Vicenza Basilica Palladio fase 3
Vicenza Basilica Palladio fase 3
Nazione  
Regione Veneto 
Città Vicenza 
Tipo Basilica 
Codice I Ch VEN Vicenza3 
Vicenza Basilica Palladio fase 3

1481

Demolite le casupole che limitavano in superficie la piazza dei Signori, si incarica Tommaso Formenton di accrescere l’importanza del nuovo palazzo con un loggiato sui tre lati liberi a somiglianza di quelle che già circondavano il Palazzo della Ragione a Padova. Il portico era quasi terminato, con grandi arcate a piano terreno e archi a sesto acuto di metà ampiezza al piano superiore, quando nel 1495 l’intero lato meridionale crollò rovinosamente.

50 anni più tardi anche le arcate superstiti dette “pozzoli”dal popolino, vennero demolite.