HOME INFO Biography Prints Publications Designs News english italiano
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Aliquam dapibus leo quis nisl. In lectus. Vivamus consectetuer pede in nisl. Mauris cursus pretium mauris. Suspendisse condimentum mi ac tellus. Pellentesque habitant morbi tristique senectus et netus et malesuada fames ac turpis egestas. Donec sed enim. Ut vel ipsum. Cras consequat velit et justo. Donec mollis, mi at tincidunt vehicula, nisl mi luctus risus, quis scelerisque arcu nibh ac nisi. Sed risus. Curabitur urna. Aliquam vitae nisl. Quisque imperdiet semper justo. Pellentesque nonummy pretium tellus.
Title Type City Region Country Records per page

 

Title Country Region City Type Code
Villa of Hadrian, men's baths, remains
Villa di Adriano Resti terme maschili
Country  
Region Lazio 
City Tivoli 
Type Villa 
Code A Pa LAZ Tivoli3 
Villa di Adriano Resti terme maschili
Villa of Hadrian, remains
Villa di Adriano resti
Country  
Region Lazio 
City Tivoli 
Type Villa 
Code A Pa LAZ Tivoli1 
Villa di Adriano resti
Alba Fucens, reconstruction
Alba Fucens ricostruzione
Country  
Region Abruzzo 
City Alba Fucens 
Type Città 
Code A Ur LAZ Alba Fucens1 
Alba Fucens ricostruzione
Syracuse, Roman city: reconstruction
ricostruzione di Siracusa, citta' romana
Country  
Region Sicilia 
City Siracusa 
Type Urbanistica 
Code A Ur SIC siracusa1 
ricostruzione di Siracusa, citta' romana

Siracusa in epoca greco-romana

Siracusa venne fondata nel 730 ac da coloni corinzi sull’isoletta di Ortigia (1) che andò presto urbanizzandosi ance oltre il “Porto Piccolo”(2) con il quartiere di Acradina (3) dove trovò posto la Piazza dell’Agorà con il lungo portico del “Tymoleonteion” (4).

Già nel 5° sec ac si aggiungono il quartiere di “Tyche”(5) che in greco vuol dire fortuna, e la Neapolis (6) con la grandiosa Ara di Ierone(7), il teatro greco(8) e più tardi l’anfiteatro (9)scavato nella roccia in età augustea. Sull’isola di Ortigia (lunga 1500 X 600 m.)erano presenti 2 aree sacre, quella dove sorgeva il Tempio di Apollo (10) (dorico, 58 x 24,50 metri, 6 colonne in facciata e 17 sui lati ancora in parte conservate) e quella del Tempio di Athena (11) perfettamente conservato. Nel Medioevo il Tempio venne trasformato in cattedrale, la nave laterale nella cella, quelle laterali nei colonnati tamponati. A fianco sorgeva un grande tempio ionico (12) rimasto senza nome (59 x 25 metri) che aveva nel timpano un grande scudo dorato visibile dal mare. Poco distante scaturiva, e tuttora scorre, la sorgente Aretusa (13). Al Porto Piccolo si aggiunge fin da 5° sec. l’approdo del Porto Grande(14). Una serie di grandi cave, le Latomie (15) si estende nei banchi calcarei delle Epipole(16), l’altopiano racchiuso dalle mura che termina al castello Eurialo, mai urbanizzato, utilizzato come luogo di sepoltura e a scopi militari . Dopo la vittoria contro gli Ateniesi del 413 ac. 7000 prigionieri vennero rinchiusi nelle Latomie in attesa di riscatto o lasciati morire di fame. La più nota è la Latomia del Paradiso con l’Orecchio di Dionigi, una cavità a forma di padiglione auricolare che secondo la leggenda ampliava i suoni e le voci dei prigionieri in modo che il Tiranno potesse ascoltare.

Parma: reconstruction, Roman period
Ricostruzione epoca Romana
Country  
Region Emilia 
City Parma 
Type Città 
Code A Ur EMI Parma1 
Ricostruzione epoca Romana

Note su Parma

1) La forma di Parma è quasi quadrata come quella dei nuovi isolati allineati in numero di 8 per lato.

2) Gli assi principali, il Cardine e il Decumano Massimo si incontrano al centro nella piazza del foro che è tuttora il centro della città. In età comunale la piazza verrà munita di una cinta difensiva per evitare tumulti.

3) Nell’Oltretorrente, in direzione di Piacenza si allineano i sobborghi popolari e le attività artigianali che non trovano posto in città.

4) L’aspetto esangue del torrente che la Via Emilia attraversa su un ponte di pietre non deve ingannare, come tutti gli affluenti dell’appennino di Parma è capace di piene improvvise e spaventose come quella che devasterà l’oltretorrente nel 1177 interrando il ponte, ancora oggi ben conservato.

5) Sulla via di Fornovo verso il passo della Cisa sorge il teatro esposto a Sud: gli spettatori stanno all’ombra e gli attori in piena luce.

6) L’Anfiteatro costruito fuori dalla città per motivi di ordine pubblico, sarà trasformato in fortezza dai Longobardi nel VII secolo. Nella sua area Federico Barbarossa farà edificare il suo palazzo riutilizzando i materiali dell’Arena.

7) Strabone ci informa nel primo secolo dopo Cristo che Parma era famosa per le carni dei suoi maiali esportate a Roma essiccate o insaccate, in quantità impressionanti.

8) Come tutte le città costruite lungo l’asse rettilineo della Via Emilia, Parma distava 12 miglia (circa 18 km) dalla vicina. L’esercito in marcia poteva così evitare imboscate: quando la retroguardia lasciava una città, l’avanguardia era ormai giunta alla successiva.

9) Porta Eridania in direzione del Po.

10) Porta Pediculosa così chiamata nel medioevo per un bassorilievo raffigurante un enorme pidocchio.

ur 004
ur 004
Country  
Region  
City  
Type  
Code  
ur 004