HOME INFO Biography Prints Publications Designs News english italiano
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Aliquam dapibus leo quis nisl. In lectus. Vivamus consectetuer pede in nisl. Mauris cursus pretium mauris. Suspendisse condimentum mi ac tellus. Pellentesque habitant morbi tristique senectus et netus et malesuada fames ac turpis egestas. Donec sed enim. Ut vel ipsum. Cras consequat velit et justo. Donec mollis, mi at tincidunt vehicula, nisl mi luctus risus, quis scelerisque arcu nibh ac nisi. Sed risus. Curabitur urna. Aliquam vitae nisl. Quisque imperdiet semper justo. Pellentesque nonummy pretium tellus.
Title Type City Region Country Records per page

 

Title Country Region City Type Code
Thessaly, monastery of Varlaam, church of the Holy Virgin
Tessaglia convento di Vaarlam chiesa della Vergine
Country Grecia 
Region Tessaglia 
City Vaarlam 
Type Chiesa 
Code E Ch GR Vaarlam1 
Tessaglia convento di Vaarlam chiesa della Vergine
V?thia Castello torre
V?thia Castello torre
Country Grecia 
Region Europa 
City V?thia 
Type Castello 
Code E Ca GR V?thia1 
V?thia Castello torre
Aghia Triada, Minoan-Mycenean villa, remains and reconstruction
Villa micenea,minoica di Haghia Trada Resti e ricostruzione
Country Grecia 
Region  
City Creta 
Type Palazzo 
Code A Pa GR Creta1 
Villa micenea,minoica di Haghia Trada Resti e ricostruzione

Aghia Triada, Minoan-Mycenean villa, remains and reconstruction

Sicuramente l’isola di creta poteva contare su un discreto sviluppo agricolo, grazie le sorgenti e all’ottimo clima, su un mare pescoso e un florido artigianato, ma non bisogna illudersi: una potenza e una ricchezza come quella che le fonti antiche riportano gli scavi confermano, non possono venire che dal commercio. E non il commercio costiero di olio, vino e legname, ma quello raffinato di poca fatica e massimo valore aggiunto: oro e argento, pietre preziose e avorio. Era accaduto che l’avvento della 18ª dinastia aveva portato l’Egitto all’apogeo della potenza e della ricchezza proprio mentre si esaurivano le miniere d’oro del Sudan, quelle della mitica regina di Saba.

Per alimentare il suo artigianato l’Egitto aveva bisogno di enorme quantità di materie prime dall’oriente ed era impensabile affidarsi alle carovane a causa dei briganti. Si poteva raggiungere il Nilo dalla Siria via mare ma i faraoni non disponevano di una flotta in grado di tenere testa ai pirati. Esperti marinari, i minoici non avevano paura di pirati anche perché i pirati erano loro. Così eliminando ogni concorrenza ottenero l’esclusiva del commercio di preziosi dalla Siria, aggiungendo i prodotti del proprio artigianato, vasi, armi, tessuti.

Tutto filò liscio fino all’inizio del XVI secolo avanti Cristo quando l’onda di maremoto provocata dall’esplosione di Tera, l’attuale Santorini, spazzò via le flotte e i porti di Creta.

La concorrenza potè rialzare la testa, in pochi anni Micene e le altre isole dell’Egeo subentrarono nelle rotte e nei mercati, e della civiltà di Minosse non rimase che il ricordo.

Gli splendidi palazzi di Cnosso, di Festo,di Mallia, erano già scomparsi quando Omero scrisse l’Iliade.