HOME INFO Biography Prints Publications Designs News english italiano
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Aliquam dapibus leo quis nisl. In lectus. Vivamus consectetuer pede in nisl. Mauris cursus pretium mauris. Suspendisse condimentum mi ac tellus. Pellentesque habitant morbi tristique senectus et netus et malesuada fames ac turpis egestas. Donec sed enim. Ut vel ipsum. Cras consequat velit et justo. Donec mollis, mi at tincidunt vehicula, nisl mi luctus risus, quis scelerisque arcu nibh ac nisi. Sed risus. Curabitur urna. Aliquam vitae nisl. Quisque imperdiet semper justo. Pellentesque nonummy pretium tellus.
Title Type City Region Country Records per page

 

Title Country Region City Type Code
Edinburgh, Scottish National War Memorial
Edimburgo  Sacrario War memorial
Country Inghilterra 
Region scozia 
City Edinburgo 
Type Castello 
Code E Ca GB Edimbugo2 
Edimburgo Sacrario War memorial

E Ca GB Edimburgo2

Il lato opposto della Grown Square, il cuore dell’antico castello medievale, sorge lo Scottish National War Memorial, l’edificio più recente dell’intero complesso.

Occupa il posto e parte della struttura della chiesa medievale di Santa Maria a sua volta trasformata in una casamatta nel XVI secolo.

Una maggiore aggiunta all’edificio preesistente è l’ abside neogotica costruita nel 1920 verso est. Notevoli i bassorilievi bronzo che rievocano episodi eroici degli eserciti scozzesi nella storia e il grande San Michele che pende dalla chiave di volta. Le parti esterne del sacrario sono decorate dalla statua dei maggiori eroi scozzesi tra i quali Robert Bruce e William Wallace che affiancano anche il portale principale della fortezza

Edinburgh castle, Great Hall
Edimburgo Sala del castello e Sacrario
Country Inghilterra 
Region scozia 
City Edimburgo 
Type Castello 
Code E Ca GB Edimbugo1 
Edimburgo Sala del castello e Sacrario

E Ca GB Edimburgo1

La Great Hall occupa la parte più alta del colle su cui sorge il castello. Costruita alla fine del XIV secolo da Roberto II e di volte rifatta a causa di incendi. La parte in muratura e le grandi finestre a croce risalgono al 400 ai due grandi camini in testa alla scala era affidato il riscaldamento in occasione di cerimonie e banchetti. Prima dell’ultimo restauro la sala del castello appariva divisa in piani e usata come ospedale. Oggi ospita una notevole collezione di armature, spade, lance, alabarde e altre armi di epoca medievale.

Il soffitto riprende l’antico disegno a carena di nave rovesciata con travi sorretti da lunghi buttafuori, una soluzione che nel mondo nordico, consente di eliminare pilastri e colonne.

Haddon Hall Castello
Haddon Hall Castello
Country Inghilterra 
Region Europa 
City Haddon Hall 
Type Castello 
Code E Ca GB HaddonHall1 
Haddon Hall Castello
Isle of Iona, St. Mary's Abbey, restoration phases
Isola di Jona spaccato Abbazia SMary Fasi restauro
Country Inghilterra 
Region Inghilterra 
City Jona 
Type Abbazia 
Code E Ch GB Jona3 
Isola di Jona spaccato Abbazia SMary Fasi restauro

Con i restauri di recupero dell’abbazia ha restituito al complesso una completezza un po’ sospetta non meno pericolosa del fascino della rovina. Tuttavia ha bloccato l’effetto devastante che il gelo ha nelle pietre esposte alle intemperie. La scelta sarebbe oggi considerata contraria ai principi del restauro moderno che si limita a consolidare l’esistente e condanna l’integrazione delle parti mancanti. I restauro ha interessato dapprima la Chiesa e nel secondo dopoguerra l’intero convento.

1902 coro e transetto sud

1904 cappelle e transetto nord

1940 sala capitolare

1949 refettorio

1950 latrine e ufficio dell’abate

1956 alla Est e casa dell’abate

1959 chiostro

1961 cappella di San Michel

1964 scuderie

1965 ala ovest con magazzini e copertura della torre.

Isle of Iona, St. Mary's Abbey, situation in the 19th cent.
Isola di Jona spaccato Abbazia SMary situazione 800
Country Inghilterra 
Region Inghilterra 
City Jona 
Type Abbazia 
Code E Ch GB Jona2 
Isola di Jona spaccato Abbazia SMary situazione 800

Ecco l’abbazia come appare nelle foto di fine 800 e soprattutto nelle incisioni dei viaggiatori di epoca romantica, quando il fascino della rovina, la luce irreale e il paesaggio facevano di Jona un soggetto ideale.

La mancanza di insediamenti vicini, fece sì che le pietre lavorate non venissero reimpiegate ma rimanessero sul posto o alla base dei crolli dove i restauratori hanno potuto ritrovarle.

Isle of Iona, cutaway of the Abbey complex
Isola di Jona spaccato complesso abbaziale
Country Inghilterra 
Region Inghilterra 
City Jona 
Type Abbazia 
Code E Ch GB Jona1 
Isola di Jona spaccato complesso abbaziale

Jona

con un lavoro certosino nel corso del 900 si è proceduto al restauro dell’abbazia diSt. Mary ridotta a rudere da secoli di abbandono. Lentamente al fascino della rovina romantica esaltato dalle stampe dell’800, si è sostituita la vita di una nuova comunità e il flusso di nuovi Pellegrini, i turisti.

Risale al XII secolo la cappella di St. Michel , fu restaurata nel 1959.

il museo dell’abbazia ospita soprattutto le lastre tombali che raffigurano guerrieri e monaci capitelli e altri oggetti lapidei che non hanno potuto essere ripristinati al posto di origine. Il repertorio dei monaci, ripristinato nell’ala nord si presenta con finta volta in legno e grandi bifore gotiche.

L’antica tomba di un abate di epoca gotica raffigurata con la statua giacente che ne sigillava il sarcofago. Al transetto si affiancano cappelle che ampliano il presbiterio come una sorta di seconda navata. Queste strutture appartenevano all’imponente allargamento del coro verso sud operato nel 300 e poi ridimensionato in seguito alle proporzioni attuali. Un parapetto continuo protegge un cammino di ronda intorno alla Chiesa, elemento decorativo ma anche difensivo nelle cantine lotte tra clan. Una grande arca scolpita sollevata su quattro colonnine funge da fonte battesimale. Una stretta scala a chiocciola collega la navata alla torre centrale, dove un tempo erano racchiuse le ricchezze dell’abbazia, nell’ambiente senza finestre sotto la cella campanaria. Delle croci in pietra (a Jona se ne conservano cinque) che sostituiscono in epoca cristiana i Menhirs della tradizione celtica, le St Jhon’s Cross e la St. Martin Cross sono le più grandi.

Come nel medioevo anche oggi dall’ovest ospita cucina e magazzini al piano terra, i dormitori al piano superiore. Il chiostro a colonnine ottagonali binate è stato ampiamente reintegrato dal restauro delle parti mancanti.