HOME INFO Biography Prints Publications Designs News english italiano
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Aliquam dapibus leo quis nisl. In lectus. Vivamus consectetuer pede in nisl. Mauris cursus pretium mauris. Suspendisse condimentum mi ac tellus. Pellentesque habitant morbi tristique senectus et netus et malesuada fames ac turpis egestas. Donec sed enim. Ut vel ipsum. Cras consequat velit et justo. Donec mollis, mi at tincidunt vehicula, nisl mi luctus risus, quis scelerisque arcu nibh ac nisi. Sed risus. Curabitur urna. Aliquam vitae nisl. Quisque imperdiet semper justo. Pellentesque nonummy pretium tellus.
Title Type City Region Country Records per page

 

Title Country Region City Type Code
Cnossos, reconstruction of royal apartments
Cnosso ricostruzione degli appartamenti reali
Country Grecia 
Region  
City Creta 
Type Palazzo 
Code A Pa GR Cnosso1 
Cnosso ricostruzione degli appartamenti reali

Cnossos, reconstruction of royal apartments

Conservata oggi su tre piani sotterranei, ma elevata in antico per altri due, una scalinata collegava il cortile centrale ad appartamenti del re. La sala principale dell’appartamento reale è decorata da scudi in pelle sovrapposti affrescatiil vestibolo della regina invece è decorato da un gruppo di delfini. Come in tutto il palazzo esiste anche negli appartamenti realiuna doppia viabilità, formata da grandi corridoi e scalinate di rappresentanza, ed una nascosta di ripide scale e stretti cunicoli per la servitù.

Aghia Triada, Minoan-Mycenean villa, remains and reconstruction
Villa micenea,minoica di Haghia Trada Resti e ricostruzione
Country Grecia 
Region  
City Creta 
Type Palazzo 
Code A Pa GR Creta1 
Villa micenea,minoica di Haghia Trada Resti e ricostruzione

Aghia Triada, Minoan-Mycenean villa, remains and reconstruction

Sicuramente l’isola di creta poteva contare su un discreto sviluppo agricolo, grazie le sorgenti e all’ottimo clima, su un mare pescoso e un florido artigianato, ma non bisogna illudersi: una potenza e una ricchezza come quella che le fonti antiche riportano gli scavi confermano, non possono venire che dal commercio. E non il commercio costiero di olio, vino e legname, ma quello raffinato di poca fatica e massimo valore aggiunto: oro e argento, pietre preziose e avorio. Era accaduto che l’avvento della 18ª dinastia aveva portato l’Egitto all’apogeo della potenza e della ricchezza proprio mentre si esaurivano le miniere d’oro del Sudan, quelle della mitica regina di Saba.

Per alimentare il suo artigianato l’Egitto aveva bisogno di enorme quantità di materie prime dall’oriente ed era impensabile affidarsi alle carovane a causa dei briganti. Si poteva raggiungere il Nilo dalla Siria via mare ma i faraoni non disponevano di una flotta in grado di tenere testa ai pirati. Esperti marinari, i minoici non avevano paura di pirati anche perché i pirati erano loro. Così eliminando ogni concorrenza ottenero l’esclusiva del commercio di preziosi dalla Siria, aggiungendo i prodotti del proprio artigianato, vasi, armi, tessuti.

Tutto filò liscio fino all’inizio del XVI secolo avanti Cristo quando l’onda di maremoto provocata dall’esplosione di Tera, l’attuale Santorini, spazzò via le flotte e i porti di Creta.

La concorrenza potè rialzare la testa, in pochi anni Micene e le altre isole dell’Egeo subentrarono nelle rotte e nei mercati, e della civiltà di Minosse non rimase che il ricordo.

Gli splendidi palazzi di Cnosso, di Festo,di Mallia, erano già scomparsi quando Omero scrisse l’Iliade.

Cnossos palace, general reconstruction
Palazzo di Cnosso ricostruzione generale
Country Grecia 
Region  
City Cnosso 
Type Palazzo 
Code E Pa GR Cnosso1 
Palazzo di Cnosso ricostruzione generale

Difficile dire se il re di Crosso dominasse su tutta Creta o se l’isola in epoca minoica fosse divisa in tanti piccoli regni. Di sicuro quello di Crosso appare il più grande della decina di palazzi e ville reali finora emerse dagli scavi. Nei servizi di corte di una struttura simile, negli archivi, negli atelier, nei magazzini dovevano affaccendarsi diverse migliaia di persone ma gli archeologi stimano che il lusso e l’estensione di una reggia simile, vadano dimensionati su una popolazione attiva circostante non inferiore alle 80.000 unità. Il Palazzo e la città circostante formavano quindi una vera metropoli per l’antichità

1-Il monarca era probabilmente anche il capo religioso della società che faceva capo al palazzo, e questo conteneva diversi santuari. Al centro del cortile interno si affacciava un piccolo tempietto tripartito (cioè diviso in tre piccole celle)

2-gli appartamenti del re e quelli della regina, occupavano un ampio settore ad est dove si conservano su tre piani sovrapposti grandi ambienti sontuosamente affrescati.

3-Un bastione controllava ad est una delle porte del palazzo. L’ingresso principale sembra quello sud preceduto da un doppio portico a gradoni, servito da lunghi corridoi colonnati.

4-Al palazzo confluivano i tributi agricoli dalle regioni circostanti e i prodotti artigianali delle popolazioni soggette. Magazzini lunghi e stretti disposti a pettine erano pronti ad accoglierli

5-Dure ampie scalinate convergenti e collegate a un percorso processionale vengono ritenute il teatro di palazzo. L’ipotesi è confortata da una struttura simile ma più imponente conservata nel Palazzo di Festo

6-La grande vasca racchiusa da un portico cubico a due piani ( assai conservato ) viene interpretata come bacino lustrale per l’iniziazione religiosa, una sorta di battistero ante litteram.

7-La scalinata di accesso a nord era fiancheggiata da alti propilei porticati.

8-Attraverso questi si accedeva ad una grandiosa sala colonnata, il più vasto ambiente del palazzo.

9-Di fianco al monumentale scalone di ingresso si apre la sala del trono preceduta da un vestibolo in uno dei settori più conservati nel palazzo.

La corona cretese è di legno smaltato a vivaci colori, di norma rosso per gli esterni , blu per gli interni, ed è sormontata da un capitello a ciambella. L’abaco è quadrato mentre il fusto si rastrema verso il basso.

Numerosi pozzi di luce penetravano i diversi piani del palazzo assicurando un ricambio di aria fresca da sotterranei.

Una sorta di merlatura a corna di toro è frequente nel palazzo e compare negli affreschi. Oltre alla leggenda del Minotauro vi sono numerosi riferimenti a questo animale nei reperti archeologici cretesi in ( affresco della Tauromachia)

Gortina Odeon, remains and reconstruction
Gortina odeon resti e ricostruzione
Country Grecia 
Region 0 
City Creta 
Type Teatro 
Code A Mo GR Creta1 
Gortina odeon resti e ricostruzione
Reconstruction of a Greek theatre
Teatro greco Ricostruzione
Country Grecia 
Region 0 
City Delfi 
Type Teatro 
Code A Mo GR Delfi1 
Teatro greco Ricostruzione
Reconstruction of a Greek rheatre
Teatro greco Ricostruzione
Country Grecia 
Region 0 
City Delos 
Type Teatro 
Code A Mo GR Delos1 
Teatro greco Ricostruzione