HOME INFO Biography Prints Publications Designs News english italiano
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Aliquam dapibus leo quis nisl. In lectus. Vivamus consectetuer pede in nisl. Mauris cursus pretium mauris. Suspendisse condimentum mi ac tellus. Pellentesque habitant morbi tristique senectus et netus et malesuada fames ac turpis egestas. Donec sed enim. Ut vel ipsum. Cras consequat velit et justo. Donec mollis, mi at tincidunt vehicula, nisl mi luctus risus, quis scelerisque arcu nibh ac nisi. Sed risus. Curabitur urna. Aliquam vitae nisl. Quisque imperdiet semper justo. Pellentesque nonummy pretium tellus.
Title Type City Region Country Records per page

 

Title Country Region City Type Code
Palazzo dei Dogi conversione d'aspetto
Palazzo dei Dogi conversione d'aspetto
Country Italia 
Region Veneto 
City Venezia 
Type  
Code I Pa VEN Venezia4 
Palazzo dei Dogi conversione d'aspetto
Verona Arena, reconstruction and remains
Arena di Verona ricostruzione e resti
Country Italia 
Region Veneto 
City Verona 
Type Anfiteatro 
Code A Mo VEN Verona1 
Arena di Verona ricostruzione e resti
Arch of the Gavii
Arco dei Gavii
Country Italia 
Region veneto 
City Verona 
Type Arco 
Code A Mo VEN Verona2 
Arco dei Gavii
Venezia fasi di sviluppo
Venezia fasi di sviluppo
Country Italia 
Region Veneto 
City Venezia 
Type Arsenale 
Code I Ur VEN Venezia2 
Venezia fasi di sviluppo
Venezia sviluppo dell'arsenale
Venezia sviluppo dell'arsenale
Country Italia 
Region Veneto 
City Venezia 
Type Arsenale 
Code I Ur VEN Venezia1 
Venezia sviluppo dell'arsenale
Vicenza Basilica Palladio fase 1
Vicenza Basilica Palladio fase 1
Country  
Region Veneto 
City Vicenza 
Type Basilica 
Code I Ch VEN Vicenza2 
Vicenza Basilica Palladio fase 1

1222

Il Comune che ha acquistato Palazzo Bissari con la sua alta torre come sede per il Podestà, decide di costruirvi di fianco un palazzo pubblico con una loggia aperta fra Piazza delle Erbe e e Piazza dei Signori, ed una grande sala al piano superiore per le riunioni del “Consiglio dei Quattrocento”.

La sua forma non è diversa dai tanti “Broletti” Lombardi e padani, soprattutto dopo i restauri del 1260, in seguito all’incendio provocato dalle truppe di Federico II