HOME INFO Biography Prints Publications Designs News english italiano
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Aliquam dapibus leo quis nisl. In lectus. Vivamus consectetuer pede in nisl. Mauris cursus pretium mauris. Suspendisse condimentum mi ac tellus. Pellentesque habitant morbi tristique senectus et netus et malesuada fames ac turpis egestas. Donec sed enim. Ut vel ipsum. Cras consequat velit et justo. Donec mollis, mi at tincidunt vehicula, nisl mi luctus risus, quis scelerisque arcu nibh ac nisi. Sed risus. Curabitur urna. Aliquam vitae nisl. Quisque imperdiet semper justo. Pellentesque nonummy pretium tellus.
Title Type City Region Country Records per page

 

Title Country Region City Type Code
Venezia tre fasi di sviluppo di palazzo ducale e San Marco
Venezia tre fasi di sviluppo di palazzo ducale e San Marco
Country Italia 
Region Veneto 
City Venezia 
Type Palazzo 
Code I Pa VEN Venezia1 
Venezia tre fasi di sviluppo di palazzo ducale e San Marco
Verona Basilica di San Zeno tecniche di cantiere
Verona Basilica di San Zeno tecniche di cantiere
Country Italia 
Region Veneto 
City Verona 
Type Chiesa 
Code I Ch VEN Verona1 
Verona Basilica di San Zeno tecniche di cantiere
Vicenza Basilica Palladio fase 1
Vicenza Basilica Palladio fase 1
Country  
Region Veneto 
City Vicenza 
Type Basilica 
Code I Ch VEN Vicenza2 
Vicenza Basilica Palladio fase 1

1222

Il Comune che ha acquistato Palazzo Bissari con la sua alta torre come sede per il Podestà, decide di costruirvi di fianco un palazzo pubblico con una loggia aperta fra Piazza delle Erbe e e Piazza dei Signori, ed una grande sala al piano superiore per le riunioni del “Consiglio dei Quattrocento”.

La sua forma non è diversa dai tanti “Broletti” Lombardi e padani, soprattutto dopo i restauri del 1260, in seguito all’incendio provocato dalle truppe di Federico II

Vicenza Basilica Palladio fase 2
Vicenza Basilica Palladio fase 2
Country  
Region Veneto 
City Vicenza 
Type Basilica 
Code I Ch VEN Vicenza4 
Vicenza Basilica Palladio fase 2

1450

Viene dato incarico a Domenico da Venezia di ampliare la sala del Consiglio.

Anziché radere al suolo gli antichi edifici che separavano le due piazze, l’architetto ne riutilizza le murature dei piani bassi sovrapponendo a queste una sala gigantesca (22 x 50) illuminata da oblò circolari e finestre a sesto acuto,coperta da una volta a ogiva in legno rivestita di lastre di piombo. Nel paramento esterno a losanghe policrome il palazzo imita quello dei Dogi a Venezia e pure il disegno dei grandi merloni trilobati che circondano le finestre proviene dalla città lagunare che in questi anni rafforza il suo dominio sulle città di terraferma.

Vicenza Basilica Palladio fase 3
Vicenza Basilica Palladio fase 3
Country  
Region Veneto 
City Vicenza 
Type Basilica 
Code I Ch VEN Vicenza3 
Vicenza Basilica Palladio fase 3

1481

Demolite le casupole che limitavano in superficie la piazza dei Signori, si incarica Tommaso Formenton di accrescere l’importanza del nuovo palazzo con un loggiato sui tre lati liberi a somiglianza di quelle che già circondavano il Palazzo della Ragione a Padova. Il portico era quasi terminato, con grandi arcate a piano terreno e archi a sesto acuto di metà ampiezza al piano superiore, quando nel 1495 l’intero lato meridionale crollò rovinosamente.

50 anni più tardi anche le arcate superstiti dette “pozzoli”dal popolino, vennero demolite.

Vicenza Basilica Palladio fase 4
Vicenza Basilica Palladio fase 4
Country  
Region Veneto 
City Vicenza 
Type Basilica 
Code I Ch VEN Vicenza5 
Vicenza Basilica Palladio fase 4

1550

Reduce dai viaggi romani che lo avevano portato a contatto con i ruderi allora imponenti degli edifici classici, Andrea Palladio propone un nuovo poderoso rivestimento che richiama le linee e il ritmo dei grandi edifici imperiali, specialmente la Basilica Julia e la Basilica Emilia nel Foro Romano.

Per meglio adattare il nuovo loggiato alle setrutture precedenti piuttosto irregolari, Palladio ricorre al modulo che l’architetto Serlio aveva inventato: un arco centrale rigorosamente uguale in tutti i moduli e due aperture ai lati di larghezza variabile.

Come nel colosseo l’ordine inferiore presenta colonne tuscaniche mentre le serliane dell’ordine superiore sono ioniche.

Le piazze che circondano la “Basilica” del Palladio sono abbastanza strette da impedire la vista del nucleo gotico dal basso, con la sua copertura ad ogiva.

Con la “Loggia del Capitano” 25 anni più tardi Palladio propone di monumentalizzare l’intera piaza dei Signori trasformandola in un vero e proprio “foro Imperiale” utilizzando l’ordine gigante introdotto nel mentre da Michelangelo.