Broch di Clickhimin,III millennio AC
Broch di Clickhimin,III millennio AC

A Ca GB Shetland2

Alla periferia di Lerwick sorge il Broch di Clickhimin uno dei più conservati fra i 300 torrioni documentati alle Shetland nell’età del ferro. Il Broch è una delle massime espressioni della difesa collettiva prima del castello medievale ed è in sostanza una poderosa struttura alta e larga una ventina di metri che ospita l’intera comunità in caso di pericolo per mezzo di soppalchi sovrapposti intorno al focolare centrale. La muraglia è doppia e nell’intecapedine sono ricavate le scale per salire al cammino di ronda. I magazzini sono ricavati nello spessore del basamento. Come nei castelli medievali di ingresso è sospeso su impalcati a diversi mentre dal suolo. Il Broch di Clickhimin è preceduto da una muraglia a mezza luna con una serie di vani interni e spalti a difesa dell’ingresso alla cinta esterna. Come all’interno del Broch, un corpo di guardia in legno segue la curva della muraglia.

Le tecniche edilizie non prevedono l’uso della Malta, tutto è rigorosamente costruito a secco con molta sapienza e cura dei particolari soprattutto negli architravi e nelle volte.

Una cinta esterna vagamente circolare difende la piccola penisola dove sorge il broch. L’unico accesso verso terra è difeso dall’antemurale è preceduto da una banchina per le imbarcazioni. Lo spessore del muro va dai 4 ai cinque metri e comprende il cammino di ronda e un doppio parapetto poco conservato. Il torrione sorge intorno al settimo secolo avanti Cristo e occupa l’area di alcune case a ruota più antiche. Altre case a ruota coesistono con il Broch e il loro uso è documentato per diversi secoli ancora. Tettoie e capanni per gli animali sorgono lungo il muro di cinta